Una vacanza che non si dimentica...


Ricca di sfumature mediterranee, Sorrento rappresenta il luogo ideale per le proprie vacanze: il clima piacevole, i prodotti tipici locali, i ristoranti del centro storico, il mare, le presenze archeologiche ed artistiche incantano, da sempre, turisti da ogni parte del mondo.

Sorrento, quante definizioni sono state attribuite a questa località, una delle più affermate mete del turismo internazionale.

Sorrento patria del poeta Torquato Tasso, che qui nacque nel 1544, Sorrento gentile, Sorrento: terra dei colori, Sorrento: terra delle Sirene, Sorrento città dei giardini di agrumi, ecc.

In ognuna di queste definizioni c'è una verità perchè, effettivamente, Sorrento è una graziosissima cittadina dove gentilezza ed ospitalità sono un binomio che si tramanda di generazione in generazione. Sorrento, senza inutile retorica, è effettivamente la terra dei colori: tinte brillanti o sfumate a seconda del mutare delle stagioni. Basta soffermarsi ad osservare quanto può essere suggestivo un tramonto perdendo lo sguardo in direzione di Punta del Capo, di Ischia o Procida, di cui si riesce a seguire nettamente il profilo, per rimanere stupefatti della varietà dei colori e della bellezza dei luoghi. Oppure guardare, possibilmente dal mare, il maestoso costone tufaceo che cambia colore ad ogni ora del giorno. Ed allora perchè non lasciare andare la mente indietro nel tempo così, con un pizzico di immaginazione, si potranno rivedere le agili navi greche solcare le onde ed Ulisse saldamente legato all'albero maestro per ascoltare indenne il pericoloso canto delle Sirene... o seguire la scia delle navi romane cariche di mercanzie e di marinai operosi, oppure curiosare nelle maestose ville che gli imperatori romani fecero costruire sui nostri litorali, tra i più belli del mondo. 0 ancora navi nere come la pece, armate di tutto punto, cariche di feroci turchi, come quelle che in cerca di ricchezze e bottini, saccheggiarono Sorrento nel 1558. Circostanza quest'ultima puntualmente documentata da Raffaele Lauro nel Romanzo Storico "Sorrento The Romance" (ed. Golden Gate, 2013).

Quante leggende si raccontano su queste invasioni, leggende, quasi sempre legate alla grande devozione che i sorrentini nutrono per il loro patrono Santo Antonino ed alla loro radicata fede. Basta andare nella cripta della Basilica, dedicata appunto a Sant'Antonino, per rimanere profondamente colpiti dalla quantità degli ex voto offerti al patrono, e leggervi dietro storie, più o meno tristi, di una popolazione semplice e laboriosa influenzata, nel corso del tempo, da culture diverse. tante civiltà sono passate di qui: gli Etruschi, i Greci (che diedero alla città la pianta urbana ancora oggi chiaramente leggibile nel centro storico), gli Oschi, i Romani. Poi la sottomissione a Bisanzio, il saccheggio ad opera dei Longobardi, la conquista dei Normanni, il benefico influsso degli Aragonesi.

Dopo un lungo periodo di stasi, ai primi del '700 iniziò un periodo di rinascita culturale, economica e sociale per l'intera penisola sorrentina, che raggiunse l'apice nel corso dell'ottocento allorchè nacque e si consolidò la vocazione turistica di questa località che venne inserita nel cosidetto "Grand Tour", un viaggio nei luoghi più significativi d'Italia che ogni nobile rampollo europeo dell'epoca doveva compiere a completamento della propria formazione culturale, storica e letteraria. Vennero, così, a soggiornare a Sorrento, in cerca di sole e di ispirazione, ospiti illustri quali Byron, Keats, Scott, Dickens, Goethe, Wagner, Ibsen e Nietzsche solo per citare i più noti.

Nelle stesso periodo si intensificarono tutte le attività lavorative più tradizionali, quali l'agricoltura, il commercio marittimo e finalmente e progressivamente quella industria turistica che attualmente rappresenta il settore portante dell'economia sorrentina.

Oggi Sorrento è una moderna cittadina con oltre un centinaio di accoglienti esercizi alberghieri, è sede del  prestigioso e ricco Museo Correale di Terranova che custodisce importanti testimonianze della storia della città. Dal 18° secolo Sorrento divenne famosa anche per la sua grande tradizione artigiana del legno intarsiato, alcuni esempi di grande pregio si possono ammirare al Museo Bottega della Tarsia Lignea sito in un antico palazzo del XVIII sec. nel centro storico.

Sorrento è sede di rilevanti manifestazioni culturali, musicali, cinematografiche, nonchè punto di partenza ideale per tutte le località turistiche dei dintorni:Capri, Ischia, Napoli, Ercolano, Pompei, Positano, Amalfi ed allora...




Come raggiungerci

Inserisci l'indirizzo di partenza per ottenere le indicazioni stradali per raggiungerci

Come arrivare

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per essere sempre informato su novità e promozioni in corso. (Privacy policy)

Meteo

Dom 24 Sep 2017
Sereno
Min: 40 - Max: 49

Lun 25 Sep 2017
Sereno
Min: 37 - Max: 44

Mar 26 Sep 2017
Sereno
Min: 33 - Max: 45

L'angolo dello Chef

Lo chef Vincenzo Perfetto svela i suoi segreti

Tutte le ricette